Home Page

(29 Settembre 2022)
Statale 259 ancora bloccata e i tempi per riaprirla non saranno brevi
La soluzione potrebbe arrivare dal taglio di 15 tigli malati ma L'Anas vuole abbatterli tutti
VAL VIBRATA - Una data precisa per la riapertura della SS 259 non c'è e la situazione nel tratto sbarrato, che va dall'incrocio con la SS 16 fino al casello autostradale, potrebbe protrarsi ancora per diversi giorni. Un contesto ingarbugliato, irrisolto anche dopo l'ennesimo tavolo tecnico in prefettura, l'altro ieri, al cospetto di vari sindaci della vallata. L'Anas non intende riaprire, fino a quando non saranno eliminati tutti i tigli lungo via Risorgimento, in territorio di Martinsicuro, ritenuti dalla stessa azienda delle strade un pericolo imminente che potrebbe verificarsi in qualsiasi momento. Dall'altro canto, per cercare di accelerare la riapertura dell'inatteso blocco stradale, ormai in corso da oltre 10 giorni, ora si spera nel buon esito della perizia effettuata da un agronomo incaricato dal Comune truentino, esaminata nell'incontro in prefettura. L'esperto ha indicato che gli alberi da rimuovere, in quanto malati, sono 15. "Sulla strada -ha detto il sindaco di Martinsicuro Massimo Vagnoni- non ho competenze ma sulla scorta di quella che è la situazione chiederò alla Sovrintendenza l'autorizzazione per abbattere gli alberi malati per poi emettere un'ordinanza relativa. Spetterà -conclude- poi all'Anas adottare i provvedimenti del caso". Adesso, bisognerà vedere se basterà lo studio effettuato per far cambiare idea all'Anas, visto che nell'ordinanza di chiusura, lo scorso 17 settembre, l'ente ha indicato che gli alberi in via Risorgimento dovevano essere tutti abbattuti. Intanto, in attesa di sviluppi, i giorni passano all'insegna di lunghe code e disagi, specie nelle ore di punta. Gli automobilisti sono costretti a percorrere strade collinari alternative inadeguate e tortuose (affollate anche da camion, bus e furgoni). Il prolungato stop alla circolazione stradale, inoltre, ha riacceso polemiche e riproposto l'annoso problema di ammodernare la SS 259. Ritardi e inadempienze, messi in luce anche dal presidente del Comitato civico della Val Vibrata, Domenico Di Matteo e dal suo vice Tito Rubini. "La vallata -ha detto quest'ultimo- è isolata, arrivare da Nereto è stata un'avventura".

(21 Settembre 2022)
"Bibliopride" incontri e iniziative culturali nella biblioteca comunale
Da lunedý 26 settembre a sabato 8 ottobre, coinvolto anche l'asilo nido "L'Orsetto".
ALBA - Com’è consuetudine anche quest’anno la Biblioteca Comunale “Domenico Pantone” di Alba Adriatica aderisce al Bibliopride –settimana nazionale delle biblioteche con delle attività culturali promosse dall’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Antonietta Casciotti e organizzate in collaborazione con l’asilo nido comunale "L’Orsetto", la Pro Loco Spiaggia d’Argento e con l’importante supporto della sezione Abruzzo della Società medici pediatri. Il Bibliopride, arrivato all’undicesima edizione, è quest’anno interamente dedicato al progetto “Mammalingua. Storie per tutti, nessuno escluso” dell’Associazione italiana biblioteche e del Centro per il libro e la lettura; già a partire dal febbraio del 2021 la biblioteca e l’asilo nido comunale di Alba Adriatica vi hanno aderito con varie attività, che hanno avuto un buon riscontro. Il riconoscimento delle diverse lingue d’origine e delle diverse situazioni di bilinguismo costituisce il modo più efficace per favorire l’apprendimento dell’italiano e migliorare l’integrazione delle famiglie immigrate nel nostro Paese. Da lunedì 26 settembre a sabato 8 ottobre i docenti delle scuole del territorio possono prenotare degli incontri, durante i quali, vengono illustrati agli alunni alcuni albi del progetto “Mamma Lingua” e proposte delle letture a tema. Gli appuntamenti, che si tengono sia in presenza presso la biblioteca comunale, sia in modalità online, in orario scolastico, vogliono favorire l'inclusione, l'integrazione, l'apertura verso l’altro e la conoscenza di nuove culture. In occasione del Bibliopride presso l’Asilo Nido Comunale L’Orsetto a cura delle operatrici si terranno delle letture dal titolo “Insieme è meglio!” sulla diversità e sull’inclusione per i bambini, iscritti al servizio socio-educativo, alla presenza dei loro nonni. Gli incontri hanno come fine anche quello di “celebrare” la “Festa dei nonni”, ricorrenza diffusa in molte aree del mondo. Sabato 1 ottobre alle ore 10.30 e alle ore 16.30, in biblioteca presso Villa Flaiani, si terranno dei laboratori di lettura con laboratorio creativo a tema dal titolo “I nonni di tutto il mondo” per bambini dai 4 ai 7 anni. Gli incontri vogliono far conoscere ai bambini, di varie nazionalità, la pluralità linguistica e stimolare la loro creatività. Sono cominciate, inoltre, le attività culturali “autunnali” per bambini e ragazzi così come le attività educative per le scuole del territorio che prevedono incontri e laboratori di lettura, giochi di ruolo, incontri con gli autori e storici locali. La partecipazione è gratuita, ma occorre prenotarsi al 349/7594945


(21 Settembre 2022)
Statale 259 chiusa per caduta alberi, Dino Pepe chiede interventi urgenti
Il consigliere regionale del PD sollecita le autoritÓ. Sul problema anche il PSI di Teramo
VAL VIBRATA - Situazione stradale al limite della sopportazione, per la chiusura del tratto finale della SS 259 della Val Vibrata, in territorio di Martinsicuro, scattata dopo i danni generati dal forte vento che ha fatto cadere alberi e grossi rami sulla carreggiata. Il blocco prolungato del transito, in entrambe le direzioni, ancora ieri in corso, ha coinvolto migliaia di cittadini della vallata e non solo, specie nelle vicinanze del casello autostradale. Un contesto, inoltre, aggravato dalla chiusura (ormai da 2 anni) del ponte in via Ascolana, ad Alba, che collega la costa all'entroterra. Il risultato è stato quello di causare ingorghi, caos e disagi, tali da suscitare forti proteste e far scendere in campo il consigliere regionale del PD, Dino Pepe (nella foto). "Nella giornata odierna (ieri ndr) -scrive Pepe in una lettera inviata al presidente della Regione, all'Anas, al presidente della Provincia, al Prefetto di Teramo e al sindaco di Martinsicuro- anche in considerazione della ripresa delle attività lavorative e scolastiche, si sono registrati forti disservizi con impatti negativi notevoli, oltre che sull'aspetto che interessa la sicurezza stradale, anche relativamente all'accesso alle strutture sanitarie e del pronto soccorso dell'Ospedale di S. Omero. Chiedo -è l'appello rivolto alle autorità- un interessamento diretto che abbia la finalità di dare un impulso risolutivo alla grave problematica in questione". Un argomento scottante, visto che anche il PSI di Teramo ha sollecitato le competenti amministrazioni del territorio ad intervenire: "Con rapidità ed efficacia -ha sottolineato la reggente della segreteria provinciale, Mariantonietta Cerbo- al fine di rimuovere tutti gli ostacoli che ancora sussistono".

(13 Settembre 2022)
Il lungomare contestato. Il sindaco: "La gente lo vuole, si farÓ"
Il primo cittadino di Alba separa i progetti con la pineta esclusa dai lavori
ALBA - La riqualificazione del lungomare Marconi (costruito circa 50 anni fa) e la rigenerazione della pineta litoranea, sono stati gli argomenti al centro della conferenza stampa indetta dal sindaco Antonietta Casciotti. Temi controversi che hanno acceso il dibattito estivo con roventi polemiche, tra l'amministrazione comunale e l'associazione "Task Force Ambientale", presieduta da Giuliano Marsili. Questi, ha organizzato una petizione contro il taglio di alcune file di pini fronte mare, per farvi passare la ciclabile esistente e poi allargare la pista pedonale. "Abbiamo ritenuto -ha detto il primo cittadino albense- di scindere le due opere pubbliche, con la pineta che resta nell'ambito del progetto originario Life, mentre si procederà con la realizzazione del nuovo lungomare, perché è un'opera strategica che i cittadini vogliono. I lavori inizieranno a partire dalla rotonda Nilo. Inoltre ha detto- ricevo quotidianamente -dice la Casciotti- centinaia di messaggi a favore dell'intervento di riqualificazione che mi invitano a non mollare. Cercherò -promette- di conseguire questo obiettivo, nel migliore dei modi". Al momento, il percorso della pista ciclabile non sarà dirottato sotto la pineta per restare come sempre. Invece, per dare più spazio alla pista pedonale si valuterà l'ipotesi di acquisire alcuni metri di arenile. Se non ci saranno intoppi, i lavori dovrebbero cominciare l'anno prossimo, forse dopo l'estate 2023. "Tra poche settimane -ha annunciato il capo dell'esecutivo comunale- e prevista la definizione ed approvazione del progetto esecutivo ma in seguito si dovrà appaltare l'opera, senza correre il rischio di generare contenziosi tra le ditte in gara che ci farebbero perdere altro tempo prezioso, come nel caso della scuola media". Il nuovo lungomare ha scatenato anche una guerra politica, con l'opposizione del gruppo civico "Siamo Alba". "Io -conclude la Casciotti- resto al mio posto e, tra 8 mesi, sarò in lista per un altro mandato".

(13 Settembre 2022)
Mare, alberghi e stabilimenti marini aperti fino al 18 settembre
Emerge il problema di gestire le cucine ma i turisti vogliono la pensione completa
ALBA - Stagione turistica in via di conclusione, con la gran parte delle strutture ricettive, tra hotel e residence, che resterà aperta fino a domenica 18 settembre. "Bella stagione per gli hotel -dice Andrea Montecchia, titolare dell'hotel Sporting, nonché presidente del consorzio turistico Costa dei Parchi-  anche se a luglio c'è stata meno gente negli appartamenti, a causa del ritorno delle vacanze all'estero. Faccio i complimenti al Ruzzo per l'ottima gestione del sistema delle acque reflue, ad iniziare dal funzionamento del nuovo depuratore, per oltre 100mila persone, che ci ha permesso di avere acque marine sempre pulite. Ora bisogna realizzare il nuovo lungomare, recependo alcune osservazioni fatte dagli stessi albergatori, e realizzare subito le barriere antierosione, in massi". "Dal punto di vista delle presenze -aggiunge Mauro Magnani dell'hotel Doge- per gli hotel è stata una stagione eccellente. La media del soggiorno è di 5 giorni, considerato che non si va oltre una settimana di vacanze e diverse prenotazioni riguardano solo il week-end, dal venerdì alla domenica". Anche Magnani desidera un nuovo lungomare e barriere marine rigide". Non mancano però altri interrogativi, alla luce delle forti difficoltà a reperire personale qualificato e di riflesso a garantire il funzionamento delle cucine, per offrire la classica pensione completa. Un fattore critico che ha già portato due alberghi storici sul lungomare di Alba a trasformarsi in "bed&beakfast", facendo felici i ristoratori che auspicano tale soluzione per l'intero comparto alberghiero. "Il 90% delle richieste -riferisce Massimo Beligni, dell'hotel Astor- riguarda la pensione completa. In questo momento, è ancora presto per immaginare di escludere dall'offerta colazione, pranzo e cena. La nostra fascia turistica -evidenzia Beligni- è di tipo familiare e si rischierebbe di avere molte camere vuote". "Mantenere il servizio di pensione completa -svela Magnani- sta diventando un assillante preoccupazione, nonché una grande seccatura. Sarei contento di lavorare con formule, peraltro già in listino, che mi consentano di eliminare i pasti principali, ma i nostri turisti chiedono in massa la pensione completa e l'ombrellone in spiaggia". In tal senso, ad incidere anche il fatto che con il sistema "bed&brekfast", i costi per il turista diventerebbero ben più alti della quotidiana tariffa alberghiera, tutto compreso. "La svolta, -chiosa sull'argomento Montecchia- per rendere meno complicata la situazione del servizio pasti, potrebbe essere nel proporre mezza pensione: colazione e cena, pranzo escluso".

Ciao CittÓ - Direttore responsabile D'Eugenio Bernardo Francesco - ciaocitta@alice.it C.Fisc.:DGNBNR57R17A125C