Home Page

(18 Novembre 2017)
Alba Adriatica - Acqua marina negli chalet e detriti in spiaggia
Dopo il maltempo si contano i soliti danni. Con altri pennelli a Villa Rosa potrebbero aggravarsi
ALBA - Dopo le recenti giornate di persistente maltempo e mareggiate, la spiaggia albense, in particolare quella Nord, a ridosso del torrente Vibrata, è tornata ad essere coperta da un consistente tappeto di detriti, composto di canne e legname ma anche di scarti di vario genere: plastica, vetro, ferro e quant'altro. Il problematico fenomeno, ormai, è un appuntamento garantito che costringe, in più occasioni durante l'anno, ad impegnare fondi dalle casse comunali per separare e smaltire i materiali spiaggiati, nonché per pulire l'arenile. Anche questa volta bisognerà intervenire con i mezzi della Poliservice (ditta che si occupa della raccolta differenziata in tutti i Comuni della Val Vibrata), probabilmente fin dalle prossime settimane e, comunque, prima dell'arrivo delle festività natalizie, per presentare al meglio il luogo più bello della località turistica. Per fortuna, l'evento meteorologico, almeno ad Alba, non ha avuto effetti pesanti, come in altri casi precedenti, per cui il cumulo di detriti presenta un'estensione limitata, per circa 500 metri lineari di battigia, invece, dell'intero litorale (3 Km). A tale grattacapo si aggiunge la preoccupante situazione che colpisce i gestori di lidi marini che operano nel tratto in questione, con gli stessi detriti trasportati dal mare negli spazi esterni delle loro strutture balneari e, peggio ancora, con l'acqua marina penetrata all'interno. Balneatori, albergatori e commercianti del luogo, sono sempre più depressi ma nello stesso tempo infuriati con la Regione, per l'assenza di progetti efficaci contro l'erosione marina che sta mettendo a repentaglio le loro attività economiche. Infine, se si continuerà con l'impianto di pennelli a Villa Rosa, il danno non sarà soltanto economico, perchè presto il mare entrerà anche in viale Della Vittoria, via Battisti ed altre traverse del lungomare (già accaduto), comprese le abitazioni dei cittadini albensi.

(17 Novembre 2017)
Alba Adriatica - Ancora da risolvere il problema degli allagamenti stradali
Migliora nella zona Ovest ma ad Est della ferrovia molte vie sono state sommerse dall'acqua
ALBA - Dopo le scorse giornate di pioggia battente, ma non estremamente violenta come in altre occasioni precedenti, la cittadina costiera sembra aver retto meglio all'esteso e negativo fenomeno degli allagamenti nelle aree urbane. Rispetto al passato, è stato registrato un modesto miglioramento, tuttavia, ancora parziale, in quanto non sono mancati problemi in numerose strade del centro cittadino, trasformate dalle insistenti precipitazioni piovose in veri torrenti, con alcuni incroci da guado. Uno di questi punti, tra i più profondi (in cui si rischia di inondare d'acqua le abitazioni circostanti e di restare bloccati nella pozza con l'auto in transito ), si genera nell'intersezione stradale tra via Battisti e via La Pira. Il tratto super allagato (proprio di fronte ad un hotel) si estende per oltre 100 metri, suscitando non poche rimostranze, visto che accade puntuale da oltre un decennio, senza che il mancato ammodernamento delle condotte piovane venga definitivamente risolto. Quest'ultime, risalenti ad oltre 40 anni fa, non riescono a smaltire la grande quantità d'acqua caduta in strada, generando allagamenti in scantinati, garage e negozi. Identici guai anche per i residenti in via Olimpica, via Gorizia, via dei Ludi, via Firenze, via Duca Degli Abruzzi (una Ferrari parcheggiata con l'acqua alle porte), ed altre arterie stradali che, a quanto pare, non hanno tratto particolari vantaggi dai lavori di costruzione della grande condotta di acque bianche (2 milioni di euro), in via Vittorio Veneto (SS 16). L'intervento ha risolto i pesanti allagamenti nella zona Ovest di Alba, lasciando però in sospeso quelli che attanagliano il territorio con più abitanti, ad Est della linea ferroviaria. In questi ultimi anni, l'ente comunale ha effettuato varie opere volte a superare tali problematiche ma il lavoro da fare resta ancora molto, specie per una località turistica.


(16 Novembre 2017)
Alba Adriatica - Iniziative culturali nella Giornata per i diritti dell'infanzia
Previsti incontri con scrittori e attori, il 20 e 24 novembre, in biblioteca comunale
ALBA - Gli appuntamenti per i più piccoli organizzati dalla biblioteca comunale con la Pro Loco Spiaggia d'Argento e promosse dall'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Tonia Piccioni, si concludono, per questo mese, lunedì 20 in cui si celebra la Giornata internazionale per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza. I bambini dai sei agli undici  anni sono invitati a venire in biblioteca, nella villa comunale Flaiani, per trascorrere un pomeriggio insieme, grazie all'incontro culturale Favole a merenda. Alle ore 16.30 sarà offerta una merenda ai piccoli e ai loro accompagnatori; alle ore 17 è in programma la lettura animata "Mio nonno era un ciliegio" che vede la partecipazione del noto e apprezzato attore Vincenzo Di Bonaventura, già ospite della biblioteca comunale in occasione del "Maggio dei Libri". Tutti gli appuntamenti per i più piccoli hanno il fine di infondere in loro l'amore per il libro e per la lettura e far conoscere la biblioteca alle famiglie. In programma per il 24 novembre l'incontro con lo scrittore Osvaldo Di Domenico che presenterà il suo ultimo romanzo: "Avevo sei anni". In cantiere gli eventi del periodo natalizio. Tutti gli incontri sono gratuiti. Per info si prega di contattare il 349/7594945.

(16 Novembre 2017)
Alba Adriatica - Contro l'erosione marina bisogna unire e non dividire
L'associazione Albatour chiede al presidente della Regione di porsi al centro della questione
ALBA - Per risolvere il problema dell'erosione marina c'è bisogno di unire i Comuni di Alba e Martinsicuro, evitando di dividerli. E', questo, il senso del messaggio lanciato dall'associazione degli albergatori "Albatour" che rappresenta 54 gestori di hotel e residence. Per ottenere tale scopo, "Albatour" ha invitato il presidente della Regione, Luciano D'Alfonso, a scendere in campo per cercare di sbloccare la lunga fase di stallo, in corso da mesi, mentre il mare avanza, sia sull'arenile Nord di Alba che sul fronte Sud della spiaggia di Martinsicuro. Inoltre, si chiedono lavori che non siano composti di solo ripascimento morbido visto che, senza alcuna protezione del materiale sabbioso versato, non resta mai nulla. Infatti, le recenti le mareggiate, hanno spinto l'acqua marina anche all'interno degli stabilimenti balneari, sempre più vicini alla riva del mare. "Serve una cabina di regia -ha spiegato il presidente degli albergatori Giancarla Stipa- e le Opere marittime della Regione devono prospettarci progetti alternativi, ripeto ai tradizionali interventi che, finora, hanno mostrato tutta la loro vulnerabilità, annientando il litorale Nord di Alba". Se il ripascimento con sabbia non ha avuto esiti efficaci, ancora peggio sarebbe decidere di continuare con barriere rigide a Villa Rosa che che poi provocheranno ulteriore erosione ad Alba. "Diciamo no -ha ribadito Stipa- ai pennelli in massi ortogonali. Bisogna individuare un progetto utile a tutti e la Regione si deve porre al centro della questione. Qualsiasi soluzione -ha concluso- che provochi altri danni alla nostra spiaggia, ci vedrà costretti a ricorrere in tutte le sedi istituzionali e giudiziarie".

Ciao Cittą - Direttore responsabile D'Eugenio Bernardo Francesco - ciaocitta@alice.it C.Fisc.:DGNBNR57R17A125C