Home Page

(14 Aprile 2021)
Alba Adriatica - Tassa di soggiorno per viale Della Vittoria e parchi pubblici
Ad annunciarlo l'assesore al Bilancio Simone Pulcini che ha previsto un introito di 200mila euro
ALBA - "Per fare turismo, non c'è il solo la riviera ma bisogna riqualificare anche gli altri luoghi della cittadina". A dirlo è l'assessore al Bilancio Simone Pulcini che conferma il progetto dell'amministrazione comunale volto a riqualificare alcune zone interne che, da diversi lustri, lasciano a desiderare. Per rimettere a nuovo il lungomare Marconi sono stati già acquisiti 6milioni di euro con un mutuo della Cassa depositi e prestiti, mentre per sistemare il centro cittadino si utilizzerà l'incasso della tassa di soggiorno che anche per la prossima stagione estiva, in Bilancio, è stato previsto un introito di oltre 200mila euro. "99mila euro -dice Pulcini- saranno investiti per la manutenzione di viale Della Vittoria. In questo caso, si procederà con l'accomodamento dei marciapiedi, la rimozione delle vasche utilizzate a fioriere, la messa a dimora di nuove piante e un nuovo asfalto". Con i soldi della gabella si interverrà anche per abbellire le aree verdi. "Abbiamo in cassa -prosegue l'assessore al Bilancio- altri 81mila euro a tale scopo. I lavori interesseranno i parchi pubblici e le pinete che vedranno un nuovo arredo, giochi per bambini, ad iniziare da quella litoranea. E' ancora da decidere ma in questi spazi potrebbero sorgere anche attrezzature sportive. I restanti 20mila euro -annuncia poi Pulcini- saranno investiti in promozione turistica". In questo contesto di riqualificazione del territorio comunale non manca l'incarico ad un tecnico per redarre il Piano del traffico urbano (Put) e l'attuazione del Biciplan per realizzare nuove piste ciclabili nelle vie interne che dovranno collegarsi alla corsia del lungomare. Intanto, è emerso che il tributo della tassa di soggiorno riscossa l'anno scorso in agosto, è stata superiore allo stesso mese del 2019. "Il nostro intento -conclude Pulcini- è quello di incassare i proventi 2021 e di aprire i cantieri appena finita l'estate".

(12 Aprile 2021)
Martinsicuro - Colori e fumetti nei quadri dell'artista Nunzio Martiniani
Ha esposto a Livorno e a San Benedetto del Tronto. Il Covid ha fatto saltare la mostra di Ascoli
MARTINSICURO - A prima vista sembrerebbero due vite parallele ben distinte che non si incrociano mai, tra l'ordinario impegno della vita quotidiana e quella, invece, pulsante ed ispirata che si scatena anche di notte. Nunzio Martiniani, 53 anni di Martinsicuro è un vero artista, unico nel suo genere pittorico che riesce che ad imprimere una visione del mondo quasi fiabesca, trasmettendo un genuino sentimento di gioiosa serenità. Il pittore truentino dopo essersi diplomato al Liceo Artistico di Teramo, nel 1984, si iscrisse alla Facoltà di Architettura, abbandonandola a pochi esami dalla laurea. "Non mi appassionava. -racconta Martiniani- Io disegnavo fin da bambino, ma così tanto che mia madre doveva togliermi pennelli, fogli e matite per poter fare gli altri compiti". Martiniani (sposato con due figli), ha svolto vari lavori: direttore di un punto Conad, impiegato in una concessionaria Mercedes, fino a quello odierno negli uffici amministrativi di una grande azienda elettrica. "Ho una tale voglia di dipingere -dice Martiniani- che mi porta a stare con i pennelli in mano anche di notte, perché mi fa stare bene. Nel primo lock-down -rammenta- disegnavo fino a 12 ore al giorno, scoprendolo quando iniziava a farmi male la schiena. Il mio stile è figurativo. Amo il segno  forte, nonché contorni, rotondità e ombre molto decise. Mi sono sempre piaciuti i fumetti e da ragazzo il mio riferimento era Jacovitti". I suoi quadri infondono un forte senso di sospensione e leggerezza, di relax, soave fantasia, ma è nei dettagli dell'opera (creata con la tecnica acrilico e sabbia su tela), che si scorge ancor più l'orinale estro artistico di Nunzio Martiniani. Il suo è un pianeta a parte, un rifugio dalla dura vita di tutti i giorni, fatto di cuori, case senza porte e finestre, castelli, mare, barchette, stelle. "Per me -puntualizza- il dipinto non deve copiare la realtà ma deve farti entrare in uno spazio mentale ed emotivo differente, per qualche istante lontano da essa. La mia passione per il disegno è stata caratterizzata dalla realizzazione di diverse centinaia di quadri ma è riesplosa con determinazione dopo la nascita di mia figlia, nel 2002". Per adesso, Martiniani annovera due mostre personali: a Livorno nella galleria Il Melograno e a San Benedetto del Tronto. "Avevo -conclude- ricevuto anche la proposta di esporre a Palazzo dei Capitani ad Ascoli, poi svanita a causa della pandemia da Covid". Oggi, il suo talento è ammirabile solo nella vicina Alba, in via Mazzini, nelle vetrine di "Estro Arte" di Sandra Speca, che espone i suoi quadri da circa 10 anni.

(10 Aprile 2021)
Martinsicuro - Le poesie di Valeria Di Felice in Olanda
Per la prima volta si presenta ai lettori olandesi, con una edizione speciale
MARTINSICURO - È stata appena pubblicata nei Paesi Bassi dalla casa editrice Atalanta Pers la raccolta poetica L’antiriva di Valeria Di Felice, tradotta in nederlandese dal poeta Willem van Toorn, in collaborazione con Patrizia Filia. Dopo che le sue poesie sono state pubblicate in Marocco (2012), negli Emirati Arabi (2015), in Romania (2016), in Palestina e Giordania (2017), in Tunisia (2020), Valeria Di Felice per la prima volta si presenta ai lettori olandesi, con una edizione speciale. Infatti, la Atalanta Pers è nata nel 1979 grazie al designer, artista visivo ed editore René Bakker il quale iniziò a realizzare libri con una particolare attenzione alla veste grafica. Sua moglie Tineke Bakker si occupa della rilegatura di quasi tutte le pubblicazioni. Il traduttore e poeta Willem van Toorn, che ha scelto due sezioni dell’edizione italiana de L’antiriva uscita nel 2014, così scrive nella prefazione: "De tegenoever, titolo dell’edizione olandese, si compone di due cicli che paiono rispondersi a vicenda: il lato maschile nell’Uomo inverso e quello femminile ne Le rive dell’attesa. Ma quelle esperienze sembrano a tratti intercambiabili. Il poeta inglese John Donne (1572-1631) inizia il suo saggio Meditations XVII con i celebri versi: “Nessun uomo è un’isola, completo in se stesso; ogni uomo è parte della terra, parte del tutto”. Giovanni Zamponi vede invece nell’essere umano che riceve la voce di Valeria Di Felice "un’isola sulle cui sponde si infrangono le onde del grande Altrove" – riferendosi così all'immagine del dicibile di Wittgenstein come isola nell’oceano dell’ineffabile". Valeria Di Felice ha fondato, nel 2010, la casa editirice Di Felice Edizioni.

(7 Aprile 2021)
Alba Adriatica - Vongolare contro il mega prelievo di sabbia per il ripascimento
Il presidente del Cogevo critica il piano che potrebbe danneggiare le zone ripopolamento
ALBA - Sempre più complicato l'obiettivo di realizzare la spiaggia di alimentazione, entro il prossimo mese di giugno. La commissione regionale che valuta l'impatto ambientale (VIA), ha dato parere favorevole all'opera anti erosione ma ora, alle osservazioni critiche delle associazioni turistiche sul posizionamento di due pennelli sommersi perpendicolari, si aggiunge anche quella della categoria dei pescatori di vongole, con il consorzio Cogevo, presieduto da Giovanni Di Mattia. La contrarietà al progetto regionale, in questo caso, è rivolta però al mega ripascimento di 100mila metri cubi di sabbia, materiale che potrebbe essere prelevato in zone di ripopolamento, così da mettere a rischio il reddito di circa 300 famiglie. Un grosso problema per i vongolari che chiedono maggiore riflessione sull'intervento, affinché possano essere individuate soluzioni alternative. "Manifestiamo -ha detto in un video Di Mattia- perplessità sulla zona del prelievo ove è presente la risorsa vongola, per la quale anche nel 2020 è stato stanziato un sostegno per la semina e il ripopolamento a 1 miglio dalla costa, nonché l'ampliamento delle aree di produzione e raccolta delle vongole". Il Cogevo si oppone alle zone marine individuate dalla Regione per il prelievo della sabbia che dovrebbe avvenire in prossimità del porto di Giulianova e al molo di Martinsicuro. Inoltre, per il presidente del Cogevo: "gli interventi previsti dal piano non sono compatibili da un punto di vista ambientale, con la tutela dell'eco sistema marino".

Ciao Cittą - Direttore responsabile D'Eugenio Bernardo Francesco - ciaocitta@alice.it C.Fisc.:DGNBNR57R17A125C