Home Page

(22 Maggio 2017)
Corropoli - Un progetto per salvare opere d'arte tra l'azienda Nogs ed il Fai
Battesimo a Roseto. Prossimi appuntamenti l'1 luglio a Pescara e il 12 agosto Corropoli
CORROPOLI - Partita l'iniziativa di solidarietà in favore del Fai (Fondo ambiente italiano), che vede in campo l'azienda calzaturiera Nogs, diretta dall'imprenditore sambenedettese Giuseppe Olivieri (nella foto) che, dallo scorso anno, si è insediato nella zona industriale di S. Scolastica, a Corropoli. Un tandem che ha l'obiettivo di salvaguardare opere d'arte: in questo specifico caso saranno 3, da scegliere tra quelle esistenti a Pescara, Roseto degli Abruzzi e Corropoli. Il denaro occorrente al loro restauro arriverà da una parte del ricavato (10%), attraverso i punti vendita presenti in tali centri che poi verrà devoluto al Fai Abruzzo. Il progetto ha già avuto il suo battesimo a Roseto (sabato scorso), mentre il prossimo appuntamento (sempre con sconti da capogiro per consentire una maggiore raccolta di fondi per il Fai), sarà nello store di Pescara, in via Carducci (1 luglio) ed infine nella zona industriale di Corropoli, in via Flaiano, il 12 agosto. "Quando un imprenditore opera nel territorio –ha commentato Olivieri- non può dirsi distante e disinteressato alla comunità che lo ospita. Ho pensato di fare sinergia con il Fai per raccogliere fondi destinati al recupero di beni del nostro patrimonio. Oltre a quanto devoluto -ha concluso- aggiungerò un'ulteriore somma a titolo personale". La sensibilità mostrata ha avuto il giusto riconoscimento. "Il patrimonio culturale italiano -ha dichiarato il capo delegazione FAI Teramo, Giovanna Marinelli- ha bisogno di imprenditori illuminati come il dottor Giuseppe Olivieri della Nogs".

(19 Maggio 2017)
Alba Adriatica - Volantini e manifesti contro l'abusivismo commerciale
Il Comune inviterā cittadini e villeggianti a non acquistare merce contraffata
ALBA - Una buona parte della corsia pedonale del lungomare albense, già da diverse settimane, è diventata una grande distesa di bancarelle, tale da togliere lo spazio riservato al passeggio dei pedoni. L'utilizzo occasionale dell'auto dei vigili urbani che transita sulla pista a ridosso dell'arenile, ha effetti molto limitati (il servizio funziona fino alle ore 17 e solo nei fine settimana). Il primo esponente di Palazzo di città a registrare l'impari lotta per restituire il luogo più bello di Alba a turisti e residenti, è stato lo stesso assessore alla polizia municipale Ambra Foracappa (nella foto). "Da soli -ha affermato- non riusciremo a debellare il fenomeno e per questo chiederemo aiuto alle principali Forze dell'ordine". L'amministrazione comunale, tuttavia, procederà per quanto di sua competenza ed è in procinto di riattivare la campagna pubblicitaria contro il negativo aspetto che rovina l'economia ma anche l'immagine turistica di Alba. "Distribuiremo volantini ed affiggeremo manifesti -ha annunciato l'assessore- che inviteranno cittadini e villeggianti a non acquistare tali prodotti, a non affittare case a chi pratica il commercio illegale ed a segnalare alle autorità situazioni di degrado e sovraffollamento, all'interno di abitazioni". Si chiede un maggior senso civico ma, intanto, la località balneare è anche diventata una grande sede di rifornimento e smistamento della merce da vendere lungo la riviera. Fino a pochi lustri fa, il problema emergeva solo in estate ma adesso si presenta anche nelle altre stagioni. "Purtroppo -ha sottolineato la Foracappa- abbiamo dovuto constatare che il fenomeno è cresciuto in maniera spaventosa anche nel periodo invernale". Infatti, molti venditori abusivi giunti ad Alba la scorsa estate, hanno poi deciso di non lasciare la cittadina costiera, ritenendola un ottimo posto per esercitare l'attività illecita.

(17 Maggio 2017)
Alba Adriatica - L'ultimo saluto al professore Domenico Pantone
"Una scelta tragica dettata dall'umana debolezza ma non abbiamo il diritto di giudicare nessuno"
ALBA - Si sono svolti, ieri mattina, i funerali del professore Domenico Pantone che avrebbe compiuto 32 anni il prossimo 6 giugno. La chiesa di S. Eufemia e l'antistante piazza IV Novembre, erano affollate da amici, conoscenti e studenti, tutti addolorati per la tragica fine del giovane albense che, con molta probabilità, colto da forte depressione si è tolto la vita, in una camera dell'hotel Tre Re, a Como, lo scorso 11 maggio. Una persona intelligente, di elevato livello culturale, forse, troppo sensibile all'imprevedibile e complicato percorso dell'esistenza. Il rito religioso è stato officiato dal parroco don Stefano Galeazzi. "Una scelta tragica -ha commentato nella sua omelia funebre- dettata dall'umana debolezza ma non abbiamo il diritto di giudicare nessuno. Domenico -ha ricordato don Stefano- era un ragazzo brillante". Il cordoglio verso la famiglia è stato generale, dalle autorità comunali (presenti il sindaco Tonia Piccioni ed altri consiglieri comunali), agli studenti dell'istituto tecnico di S. Egidio alla Vibrata, nel quale, da circa un anno, Domenico insegnava Lettere. Ad onorare la sua memoria c'era anche il suo professore universitario Alfredo Cottignoli, dell'Università di Bologna, città in cui Domenico si era laureato, lasciando ottimi ricordi. La cittadinanza si è stretta intorno al dolore dei congiunti, soprattutto del padre Pietro, ex maestro ad Alba, nonchè dirigente politico per oltre un trentennio, già vice sindaco di Alba ed assessore alla Provincia di Teramo. La salma di Domenico Pantone è stata tumulata nel cimitero albense, in via Certosa.

(16 Maggio 2017)
Alba Adriatica - Parcheggi a pagamento a partire dal 15 giugno
Per il quarto anno consecutivo parchimetri in azione sul lato Est dell'intero lungomare
ALBA - La giunta comunale, diretta dal sindaco Tonia Piccioni, per il quarto anno consecutivo, ha approvato l'istituzione dei parcheggi a pagamento sull'intero lato Est del lungomare Marconi. Dal prossimo 15 giugno, fino al 10 settembre, torneranno a funzionare i parchimetri dalle ore 9 all'una di notte, con la gabella oraria che passa da 50 centesimi a 60 centesimi (dalle ore 9 alle 20), mentre resterà immutata nelle ore serali: 1 euro l'ora dalle ore 20 alle 01. Non mancheranno poi le varie offerte di abbonamento rivolte a chi dovesse avere l'esigenza di parcheggiare con maggiore frequenza, a pochi passi dal mare. In questo caso sono stati previsti gli abbonamenti settimanali (20 euro) e mensili (50 euro) ma per residenti e ditte che hanno la sede operativa lungo la riviera, quest'ultima opzione scenderà a 35 euro, fino alla conveniente offerta per l'intero periodo di vigenza delle linee blu al prezzo di 60 euro, per ogni autovettura. La gestione del servizio ed il controllo del pagamento del ticket, verranno affidati ad una ditta esterna, per un corrispettivo massimo stimato in 34.900 euro (iva esclusa). L'introduzione della sosta oraria ha consentito alla località balneare di fare un salto di qualità, rendendo meno pericoloso e caotico il trafficato lungomare.

Ciao Cittā - Direttore responsabile D'Eugenio Bernardo Francesco - ciaocitta@alice.it C.Fisc.:DGNBNR57R17A125C